Alla corte di Gordon Ramsay

Alla corte di Gordon Ramsay

Gabriele Vannucci va a lavorare con il famoso chef scozzese di Hell’s Kitchen
E’ irrequieto, come tutti i grandi. E così Gabriele Vannucci, grande pasticcere viareggino, approda – dopo una estate passata in laboratorio al Cristallo di Lido – a Castel Monasterio.
Vannucci, figlio e nipote di carristi (il padre è Enrico), va a lavorare in quello splendido resort nel Chianti Classico aperto pochi anni fa dal gruppo Mercegaglia, ovvero dalla ex presidente di Confindustria.
Ma va a mostrare la sua arte in cucina là dove regna – anche se la momento solo come consulente – uno degli chef più famosi al mondo. Ovvero Gordon Ramsay, il cuoco britannico celebre per i reality Masterchef, Hell’s Kitchen e Cucine da Incubo. Fformat tv talmente di successo che hanno raggiunto o stanno per raggiungere anche le versioni italiche.
Alla corte di Ramsay, Gabriele Vannucci dovrà dimostrare quello che vale e quello che ha imparato da due grandissimi maestri dell’arte pasticceria ed in cucina. Vannucci ha fatto la gavetta da Luca Mannori a Prato per poi lavorare nel ristorante dell’hotel de Paris a Montecarlo. Nel lussuoso Louis XV dove governava Frank Cerutti sotto la guida di Alain Ducasse.
Una bella soddisfazione per questo ragazzone timido che recentemente ha lavorato proprio a Castel Monasterio con Barberi, uno dei tre divi di Masterchef. Il resort è aperto in questi giorni di Capodanno per poi riaprire a Pasqua. A quel punto i viareggini potranno assaggiare i nuovi dolci preparati da Gabriele che ha lavorato, non dimentichiamolo anche nelle più famose pasticcerie di New York. Insomma un cervello che è tornato, ma che ha dovuto lasciare subito Viareggio per cercare una sistemazione di alto livello gastronomico. Un peccato perchè in Versilia aprono pasticcerie ovunque. Basti pensare a Mantovani al mercato, a Pieri e Pezzini che ha recentemente inaugurato il negozio-laboratorio in via Garibaldi. E senza dimenticare la mega-operazione che ha fatto Puccinelli sulla sponda del Massaciuccoli lungo la via di Montramito. Resta un solo grande
enigma. Perchè nessuno apre una pasticceria in Passeggiata. Tramontata la stella cinquantennale di Fappani è rimasto solo Galliano con il suo laboratorio a tenere alta la bandiera del lungomare. Un vero peccato per la ex Perla della Versilia, ormai regno – sul lungomare – solo del fritto.

Leggi qui l’articolo originale